L’oggetto della presente invenzione è una padella smart innovativa per piani cottura a induzione. La padella comprende uno strato interno composto da materiale ferromagnetico e da un rivestimento esterno di materiale isolante, quale legno o silicone.
La padella smart è sicura ed efficiente, grazie al materiale di rivestimento che previene il surriscaldamento e non disperde il calore. Inoltre, è compatibile con l’integrazione di un sistema elettronico smart, che consentirebbe alla padella di essere collegata ad altri dispositivi, quali un mixer o un coperchio a pressione, alimentati dal piano a induzione. Il sistema smart consentirebbe anche di monitorare parametri quali la temperatura di cottura, i tempi e la pressione in modo preciso. Infine, grazie all’utilizzo di un particolare tipo di legno per il rivestimento, diventerebbe anche un elemento di design unico.
L’automazione e la domotica rivestono un ruolo sempre maggiore nel settore delle case smart. In questo senso, l’invenzione rappresenta una soluzione efficiente, sicura e all’avanguardia, con un potenziale ruolo chiave in una cucina smart.

TRL (Technology Readiness Level)

TRL 7 su 9

Gli inventori

Fabrizio
Dughiero

Scarica la scheda completa del brevetto

Il progetto PoC@Unipd

Con l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese attraverso la valorizzazione di titoli di proprietà industriale, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha erogato un bando per la realizzazione di programmi di valorizzazione dei brevetti tramite il finanziamento di progetti in fase Proof of Concept (PoC) delle Università Italiane, degli Enti Pubblici di Ricerca (EPR) italiani e degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCS).

Tale bando mira alla realizzazione di percorsi di innalzamento del TRL (Technology Readiness Level) delle tecnologie brevettate nel mondo della ricerca accademica, creando i presupposti affinché queste possano diventare opportunità strategiche per il mondo imprenditoriale.

Dopo un attento esame della Commissione di valutazione del Ministero nei confronti delle proposte progettuali ricevute, l’Università di Padova si è posizionata al quarto posto della graduatoria e ha così potuto iniziare a sviluppare 9 progetti PoC.

I progetti sono stati selezionati dall’Ateneo tramite un bando interno e il programma ha potuto muovere i primi passi a febbraio 2021: da questo momento il Team PoC ha infatti iniziato a lavorare per validare le tecnologie proposte. Il gruppo di lavoro universitario si è subito visto affiancato da un Expert Commitee esterno, costituito da figure di elevato livello scientifico e professionale (investitori ed imprenditori) in grado di fornire un autorevole punto di vista sulle scelte strategiche e progettuali.

UniSMART – Fondazione Università di Padova è stata incaricata di gestire la valorizzazione dei risultati dei 9 progetti, mettendo a disposizione le competenze del personale altamente qualificato nei diversi settori di pertinenza dei progetti PoC ed esperto in tema di innovazione.

Condividi questo contenuto

  • Sintesi di nanoparticelle SAMN per la depurazione

    Questa invenzione ha sviluppato un metodo innovativo, ecocompatible e a basso costo per la sintesi di particolari nanoparticelle magnetiche (Surface Active Maghemite Nanoparticles - SAMN), con caratteristiche di superficie che...

  • SenSyTool – Sea sentinels System: Uno strumento per monitorare gli effetti tossici causati dai PFAS

    Il Sea Sentinels System (S.S.S.) comprende un kit composto da 5 linee cellulari, ottenute da tessuti (muscolari ed epidermici) appartenenti a 3 specie di animali marini (Tursiops truncatus, Ziphius cavirostris...

  • TCT PROJECT – Progetto Trasversoclasiotomo

    Lo strumento brevettato consente l'accesso ai contenuti del forame trasversale, sezionando parzialmente il processo trasversale delle vertebre cervicali. In questo modo si ottiene l’isolamento effettivo dei vasi vertebrali ivi contenuti....

Iscriviti alla newsletter

Segui le attività promosse
dalla Fondazione UniSMART