Questo brevetto riguarda un sistema di comunicazione ottica multiplex di suddivisione spaziale, comprendente dispositivi ottici per il multiplexing e demultiplexing dei fasci, dotato di varie fasi multipolari. L’invenzione propone una soluzione innovativa ed efficiente per incrementare la capacità di trasmissione di una rete di comunicazione in modo efficace e sostenibile. Consente di mitigare la saturazione della rete di comunicazione, senza necessità di aumentare la quantità di datacenter o di alterare l’infrastruttura esistente, dato che l’invenzione riguarda unicamente il trasmettitore e il ricevitore.
La crescita esponenziale della quantità di traffico dati nell’ultimo decennio contribuisce al collasso della rete di comunicazione ottica corrente. Per questa ragione, sono di estrema importanza le tecnologie in grado di aumentare la capacità di trasmissione di un sistema di comunicazione.

TRL (Technology Readiness Level)

TRL 2 su 9

Gli inventori

Ruffato
Gianluca

Filippo
Romanato

Grillo
Vincenzo

Rotunno
Enzo

Scarica la scheda completa del brevetto

Il progetto PoC@Unipd 2022

Con l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese attraverso la valorizzazione di titoli di proprietà industriale, l’Unione Europea – NextGenerationEU e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno promosso il Programma Proof of Concept, un bando per la realizzazione di programmi di valorizzazione dei brevetti tramite il finanziamento di progetti in fase Proof of Concept (PoC) delle Università Italiane, degli Enti Pubblici di Ricerca (EPR) italiani e degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Il bando mira alla realizzazione di percorsi di innalzamento del TRL (Technology Readiness Level) delle tecnologie brevettate nel mondo della ricerca accademica, creando i presupposti affinché queste possano diventare opportunità strategiche per il mondo imprenditoriale.

Dopo un attento esame della Commissione di valutazione del Ministero nei confronti delle proposte progettuali ricevute, per il secondo anno l’Università di Padova è stata ammessa al Programma e ha selezionato così 8 progetti PoC. L’Ateneo ha selezionato gli 8 progetti tramite un bando interno e il programma ha potuto muovere i primi passi a dicembre 2023: da questo momento il Team PoC ha iniziato a lavorare per validare le tecnologie proposte ed il programma terminerà il 31 dicembre 2024.

Nel corso del programma, il gruppo di lavoro dell’Università sarà affiancato da un Expert Committee esterno, costituito da figure di elevato livello scientifico e professionale (investitori ed imprenditori) in grado di fornire un autorevole punto di vista sulle scelte strategiche e progettuali. 

UniSMART – Fondazione Università di Padova è stata incaricata di gestire la valorizzazione dei risultati degli 8 progetti, mettendo a disposizione le competenze del personale altamente qualificato nei diversi settori di pertinenza dei progetti PoC ed esperto in tema di innovazione.

Condividi questo contenuto

  • INSERT – Inibitore di SerpinB3 per il trattamento dei tumori

    L'espressione di SerpinB3, parte della famiglia di inibitori della serina proteasi, è associata al processo di carcinogenesi, dato che determina la resistenza all’apoptosi, induce la proliferazione cellulare e porta a...

  • Un CAPTCHA resiliente e user-friendly

    Per proteggere i servizi online da attacchi malevoli, è consentito l'accesso solo agli utenti che risolvono un CAPTCHA (Completely Automated Public Turing Test to Tell Computers and Humans Apart) per...

  • siRNAEEC – Nuovo trattamento per mitigare la cecità associata alla sindrome da ectrodattilia-displasia ectodermica-labio palatoschis (EEC)

    La sindrome da ectrodattilia-displasia ectodermica-labio palatoschis (Ectrodactyly-Ectodermal Dysplasia-Cleft lip and palate - EEC) è una malattia genetica rara dovuta a mutazioni del gene p63 e caratterizzata da malformazioni degli arti,...

Iscriviti alla newsletter

Segui le attività promosse
dalla Fondazione UniSMART