Questa invenzione ha sviluppato un metodo innovativo, ecocompatible e a basso costo per la sintesi di particolari nanoparticelle magnetiche (Surface Active Maghemite Nanoparticles – SAMN), con caratteristiche di superficie che le rendono utili in diverse applicazioni nel settore agro-alimentare e biomedicale. Sono particolarmente efficaci nei processi di purificazione di miscele complesse, in quanto garantiscono una purezza elevata dei composti isolati.
I metodi correnti utilizzati per isolare i composti nelle miscele complesse, nella chimica di depurazione e nel settore agro-alimentare sono spesso complicati e costosi. Le nanoparticelle SAMN prodotte attraverso questo brevetto possono essere utilizzate in processi semplici, ripetibili e convenienti. Ad esempio, l’attuale sistema di produzione della lattoferrina è la cromatografia a scambio ionico, che genera 1g di lattoferrina per ogni 1000 litri di siero di latte. La purificazione magnetica con nanoparticelle SAMN può generarne 500 volte tanto, con una purezza finale del prodotto superiore al 90%. Altre applicazioni delle nanoparticelle SAMN comprendono la depurazione della curcumina, la rimozione del cromo esavalente o delle microtossine generate nei processi di fermentazione.

TRL 5 su 9

Gli inventori

Fabio
Vianello

Giorgio
Valle

Massimiliano
Magro

Luca
Nodari

Scarica la scheda completa del brevetto

Condividi questo contenuto

  • Metodo di isolamento ad alte temperature per avvolgimenti del motore elettrico

    Secondo le tecniche più moderne, l’installazione di isolanti in ceramica nei motori elettrici commerciali richiede metodi complessi. Inoltre, gli isolanti a basse prestazioni termiche limitano l’intervallo di temperatura di funzionamento del motore. Si propone una nuova metodologia di isolamento dei...

  • SENSpH – Sensore colorimetrico per misure di pH

    L’invenzione è un nuovo pH-metro che si basa sull’uso di CSA (Colorimetric Sensor Arrays), per superare i limit attuali dei pH-metri a CSA, quali il monouso, i tempi di reazione relativamente lenti e misurazioni del pH inaccurate in entrambe le...

  • Polidivinilbenzene per la sintesi dei polipeptidi

    L’invenzione introduce l’utilizzo del polidivinilbenzene (PDVB) quale supporto alla sintesi dei polipeptidi in fase solida (SPPS). La sua morfologia facilita la formazione di catene più lunghe di polipeptidi e incrementa la purezza e la selettività del prodotto finale. Può essere...

Iscriviti alla newsletter

Segui le attività promosse
dalla Fondazione UniSMART