Nel prossimo decennio, la quantità di pannelli solari fotovoltaici inutilizzabili aumenterà in maniera esponenziale. È necessario sviluppare metodi più efficienti di separazione dei vari materiali componenti i pannelli per evitare che finiscano in discarica. Questo brevetto migliora i metodi disponibili ad oggi per separare il vetro dalle cellule fotovoltaiche.
Nella maggior parte dei pannelli fotovoltaici, l’insieme di celle fotovoltaiche è attaccato alla superficie di vetro. Attualmente, si utilizzano flussi d’aria o tappeti vibranti per separare i vari materiali, ma tali sistemi non sono efficaci per separare il vetro dalle celle, dato che i due hanno un peso specifico simile.
Il valore dei materiali recuperati dopo lo smaltimento dipende dalla loro purezza. Questo brevetto ha sviluppato un metodo semplice ed efficace per migliorare la separazione del vetro dalle celle. Grazie alla separazione accurata di ciascun materiale, il loro valore come materiali grezzi riutilizzabili aumenta significativamente.

TRL (Technology Readiness Level)

TRL 7/8 su 9

Gli inventori

Andrea
Zambon

Pietrogiovanni
Cerchier

Scarica la scheda completa del brevetto

Condividi questo contenuto

  • Plasma di scarico radiale per il trattamento di liquidi contaminati

    La rimozione di sostanze organiche recalcitranti dannose (antropogeniche e non) dall’acqua e dalle soluzioni acquose, quali le acque di infiltrazione, è necessaria per garantire la salute e la sicurezza pubbliche...

  • Connettore per pareti in legno

    Questo sistema di ancoraggio brevettato si utilizza nelle costruzioni in legno. La sua forma e materiale speciali sono ideali per collegare le pareti in legno o per ancorarle alle fondamenta...

  • Frangisole smart

    Questo sistema di schermatura solare intelligente può migliorare l’efficienza degli edifici, controllando la quantità di radiazioni solari che colpiscono le superfici verticali, attraverso il posizionamento automatico dei pannelli in base...

Iscriviti alla newsletter

Segui le attività promosse
dalla Fondazione UniSMART