L’amidoilosi costituisce un gruppo di malattie nelle quali una proteina anomala chiamata amiloide, si forma negli organi e interferisce con il loro normale funzionamento. La diagnosi e tipizzazione accurata dell’amiloidosi sono importantissime per determinare l’intervento terapeutico più accurato.
I metodi attuali di diagnosi dell’amidoilosi sono lunghi, costosi, molto difficoltosi e causano spesso falsi positivi e falsi negativi. Inoltre, richiedono una grande quantità di materia organica. Di conseguenza, c’è necessità di un test diagnostico semplice che consenta una diagnosi dell’amidoilosi più rapida e precisa.
Abbiamo sviluppato un metodo di diagnosi e tipizzazione chimica dell’amidoilosi. L’invenzione consiste in un tampone di lisi e di una procedura di estrazione della proteina, seguita da indagini SDS-PAGE e Immunoblot.
Questo metodo di microestrazione è stato validato per l’amidoilosi cardiaca, ma può essere applicato anche ad altre proteine e tessuti.

TRL (Technology Readiness Level)

TRL 6 su 9

Gli inventori

Castellani
Chiara

Angelini
Annalisa

Valente
Marialuisa

Fedrigo
Marny

Thiene
Gaetano

Scarica la scheda completa del brevetto

Il progetto PoC@Unipd 2022

Con l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese attraverso la valorizzazione di titoli di proprietà industriale, l’Unione Europea – NextGenerationEU e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno promosso il Programma Proof of Concept, un bando per la realizzazione di programmi di valorizzazione dei brevetti tramite il finanziamento di progetti in fase Proof of Concept (PoC) delle Università Italiane, degli Enti Pubblici di Ricerca (EPR) italiani e degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Il bando mira alla realizzazione di percorsi di innalzamento del TRL (Technology Readiness Level) delle tecnologie brevettate nel mondo della ricerca accademica, creando i presupposti affinché queste possano diventare opportunità strategiche per il mondo imprenditoriale.

Dopo un attento esame della Commissione di valutazione del Ministero nei confronti delle proposte progettuali ricevute, per il secondo anno l’Università di Padova è stata ammessa al Programma e ha selezionato così 8 progetti PoC. L’Ateneo ha selezionato gli 8 progetti tramite un bando interno e il programma ha potuto muovere i primi passi a dicembre 2023: da questo momento il Team PoC ha iniziato a lavorare per validare le tecnologie proposte ed il programma terminerà il 31 dicembre 2024.

Nel corso del programma, il gruppo di lavoro dell’Università sarà affiancato da un Expert Committee esterno, costituito da figure di elevato livello scientifico e professionale (investitori ed imprenditori) in grado di fornire un autorevole punto di vista sulle scelte strategiche e progettuali. 

UniSMART – Fondazione Università di Padova è stata incaricata di gestire la valorizzazione dei risultati degli 8 progetti, mettendo a disposizione le competenze del personale altamente qualificato nei diversi settori di pertinenza dei progetti PoC ed esperto in tema di innovazione.

Condividi questo contenuto

  • Metodo di determinazione della progressione della malattia e della prognosi di sopravvivenza in pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica (SLA)

    Il presente metodo consente di simulare il corso clinico dei pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), basandosi sulle variabili misurati durante una singola visita (come la prima, ad esempio)....

  • Dispositivo di visualizzazione dell’ano durante la colonscopia tradizionale

    La colonscopia con endoscopio flessibile è un esame fondamentale per gli screening oncologici, dato che consente una diagnosi precoce del cancro al colon e al retto. Negli Stati Uniti, si...

  • CO2 SUP – Conservazione degli alimenti con CO2 supercritica

    Questa invenzione sfrutta l’anidride carbonica supercritica per pastorizzare gli alimenti a condizioni di temperatura e pressione che ne mantengano inalterati la struttura e il sapore. Questo processo migliora la shelf...

Iscriviti alla newsletter

Segui le attività promosse
dalla Fondazione UniSMART