Gli acceleratori a bassa energia sono utilizzati nell’industria e nella ricerca per generare raggi ionici adatti a vari scopi.
L’acceleratore oggetto di brevetto risolve alcune delle limitazioni presenti negli acceleratori all’avanguardia.
Infatti, consente di costruire un acceleratore sfruttando una serie di moduli a bassa tensione, invece di apportare una divisione resistiva della tensione generata su un singolo terminale ad alto voltaggio.
Il sistema di generazione ad alto voltaggio completamente elettronico consente l’utilizzo di un liquido dielettrico, quale alternativa ai gas ad alta pressione, per migliorare la sicurezza dell’acceleratore.
Anche la manutenzione e il ciclo di lavoro sono migliorati, dato che l’unico intervento necessario è la sostituzione di un modulo rotto, mentre l’acceleratore può continuare a funzionare a energia ridotta, in attesa della riparazione.

TRL 3 su 9

Gli inventori

P. Zotto

E. Borsato

R. Gobbo

P. Antonini

F. Dal
Corso

C. Fanin

A. Galatà

C. S. Gallo

M. Zago

M. Pegoraro

F. Montecassiano

Scarica la scheda completa del brevetto

Condividi questo contenuto

  • Trattamento enzimatico per il riciclo delle bioplastiche

    Questa tecnologia punta a migliorare l’idrolisi delle bioplastiche, attraverso l’utilizzo di enzimi microbici che idrolizzano efficacemente i poliesteri nei materiali bioplastici. A differenza dei materiali cellulosici a base di canna da zucchero, gli oggetti di bioplastica a base di amidi...

  • SPOT – Padella smart per riscaldamento e cottura a induzione

    L’oggetto della presente invenzione è una padella smart innovativa per piani cottura a induzione. La padella comprende uno strato interno composto da materiale ferromagnetico e da un rivestimento esterno di materiale isolante, quale legno o silicone. La padella smart è...

  • Metodo di isolamento ad alte temperature per avvolgimenti del motore elettrico

    Secondo le tecniche più moderne, l’installazione di isolanti in ceramica nei motori elettrici commerciali richiede metodi complessi. Inoltre, gli isolanti a basse prestazioni termiche limitano l’intervallo di temperatura di funzionamento del motore. Si propone una nuova metodologia di isolamento dei...

Iscriviti alla newsletter

Segui le attività promosse
dalla Fondazione UniSMART