smart

Smart and Sustainable Cities: complex urban challenges can be tackled through Research and Innovation actions

smart

Smart and Sustainable Cities: complex urban challenges can be tackled through Research and Innovation actions

The following summary, based on the contributions of Marie Yeroyanni – Senior Expert at the European Commission- and Stefano Carosio – Managing Director at Unismart -, provides an overview of the main findings and outcome from the 1st EU Seminar held in Padova on 22nd September 2017.

Introduction

Many of the economic, social and environmental challenges that Europe is facing have a strong urban dimension. Rapid population growth, aging population, shrinking and growing cities, climate change, biodiversity loss, disaster risks, migration, unemployment, and social exclusion are some of the major problems affecting citizens living in the urban environment. Thus, making cities inclusive, safe, resilient and sustainable is a global objective (Sustainable Development Goal, SDG no. 11) that requires innovative and integrated solutions, by promoting multi-stakeholder cooperation within a multi-level governance framework.smart

Cities are actors of open innovation which generate economies of agglomeration, foster regional growth and create new jobs and market opportunities. They represent incubators of the future on the front lines of change in our society and the place where we are making the necessary progress on climate change and where we show that inclusion and diversity are necessary ingredients for success.

Truly Smart and Sustainable Cities should be the place where new technologies are implemented in the fields of energy, mobility and Information and Communication Technologies (ICTs), but also the reflections of the people who live, work, and create within them. Our cities and public spaces are indeed integral to the innovation, cultural heritage, arts, democracy and sustainability. Envisioning the future of our cities implies synthesising   the different perspectives and practices coming from a variety of urban players such as local authorities, planners and designers, creative industries and SMEs, fab and living labs.

Open innovation for and with cities is at the heart of Horizon 2020 large, multi-stakeholder demonstration projects for Smart and Sustainable Cities, which act as ‘living labs’ and combine the power of ideas and knowledge from different players while promoting a citizen and user-centric approach.

In fact, Europe can capitalise on over 30 years of investment in transnational EU Research and Innovation (R&I) on sustainable urban development. The EU investment in urban related projects alone in the first four years of Horizon 2020 amounts to around 1.7 billion EUR for 612 projects across the three pillars of Horizon 2020, Excellent Science, Industrial Leadership and Societal Challenges. The investment in FP7, FP6 and FP5 were respectively 1.9 billion EUR; 0.4 billion EUR and 0.5 billion EUR.

smartThe role of cities as key actors and incubators for innovative solutions that tackle these challenges has been acknowledged and further encouraged by many international policy fora such as the COP21 Paris Agreement, the UN’s Sustainable Development Goals (SDGs) and in particular the SDG11 for inclusive, resilient, safe and sustainable cities and human settlements, the Sendai Framework for Disaster Risk Reduction, the Energy Union Strategy 2030,  the Urban Agenda for the EU and the new UN Habitat III Agenda.

During this EU seminar which was held in Padova (Italy), on 22nd September 2017, co-organised by the European Commission (RTD), EASME and Unismart Padova Enterprise, H2020 EU funded projects under the call “Smart and Sustainable cities” were presented and discussed. In particular, the Seminar focused on the valuable highlights of the H2020-2016 call on “Demonstrating innovative nature-based solutions in cities” and namely “Demonstrating innovative nature-based solutions for climate and water resilience in cities” and presented   the main EU R&I highlights from EU H2020 demonstration urban projects, promoted both at the European and international level to foster sustainable urban development.

Unismart Padova Enterprise is the in-house subsidiary of the University of Padova (UNIPD) created with the objective of maximising technology transfer and promoting joint research projects between the 32 University departments and the lively innovation ecosystem of SMEs, large companies, investors, banks, industry associations and knowledge mediators that revolve around one of Europe’s oldest and largest Universities. Unismart/UNIPD is also a member of the European Construction Technology Platform (ECTP) and it made it a priority to focus its activity on topics related to renewable energy production and use, nearly-zero-energy buildings, sustainable buildings, smart and sustainable mobility and sustainable & innovative materials, sectors which the University of Padova covers widely and proactively thanks to the dozens of specialized interdisciplinary research groups.

The EU seminar brought together a wide spectrum of urban stakeholders such as Research Institutions, SMEs, Construction Sector, Urban Planners and designers, Innovation Firms, NGOs, Citizens of the city of Padova and Municipalities and focused on the presentation of EU H2020 demonstration projects, European and Global initiatives and activities supporting research and innovation for Innovating Cities.

The conclusions and highlights of the Seminar are a concrete input to the Urban Agenda for the EU and the new Habitat III Global Agenda.

smart

Conclusions

 It was acknowledged that urban challenges are complex and can be tackled through Research and Innovation actions combining an ecosystem of multi-stakeholder engagement linking research skills to innovative city practice solutions for city management, that can overcome the complexities of sustainable urban development and deliver on pan-European and global commitments on societal challenges and Sustainable Development Goals.

Presentations and extensive discussions as well as the systemic nature of the EU funded H2020 projects confirmed the need to consider urban challenges in a wider perspective which promotes multi-stakeholder and integrated solutions (e.g. nature-based, cultural, technological, digital, social, governance, and regulatory innovations) which deliver benefits and co-benefits, new options and strategies for city managers and politicians for a sustainable Urban Design and Development.

Best practices and systemic solutions presented which deploy an integrated analysis of the urban ecosystem, demonstrated the interconnected nature of the urban challenges arising in our cities, as well as the need to develop and implement integrated policy research solutions to the societal challenges that generate policy benefits and co-benefits simultaneously delivering socio-economic and environmental political objectives for regional, local city authorities, civil society, and political representatives, the private sector and industry.

As acknowledged by the majority of the participants  an integrated Research and Innovation Framework for Innovating Cities should enable a sustainable and systemic approach to innovation, by fostering co-creation, co-development and co-implementation with different actors and citizens in cities across the Union and worldwide.

New business and governance models should be implemented to support the mobilisation of new partnerships and investments, facilitating market uptake of innovative, systemic solutions to ensure innovative and resilient cities.

Making cities inclusive, safe, resilient and sustainable is a global objective that requires integrated and systemic solutions to problems ranging from climate change and adaptation, natural resources depletion, disaster risks, energy efficiency, urban mobility, health and well-being, social exclusion, urban poverty and migration and more.

Local Authorities, and all concerned stakeholders should capitalise from the EU funded evidence knowledge base which exists to inform decisions on investments into key urban infrastructure, as well as for policy-making, planning and land use management affecting the urban environment. Thus creativeness combined with the existing stock of EU funded Research and Innovation projects and the new H2020 projects, existing business cases, governance models that cities use and new ones aiming at multi-stakeholder solutions with benefits and co-benefits can make this possible.

Cities are on the front lines of change in our society and the place where the economic expansion, the new ideas, and the cultural advances happen, where we are making the necessary progress on climate change and where we show that inclusion and diversity are necessary ingredients for success, as cities are incubators of the future.

Truly smart cities are reflections of the people who live, work, and create within them. Our cities and public spaces are integral to the arts, innovation, culture, democracy and sustainability.

Innovating cities should happen by envisioning the future of our cities together with urbanists, entrepreneurs, designers, architects, engineers, industries, storytellers, Local Authorities will bring more promise of building solutions that work for everyone, create a dialogue about the opportunity and potential cities hold and lead to Smart and Sustainable cities.

Moreover, as acknowledged by the majority of participants to achieve a sustainable Urban Development in the years to come, we need to unlock the capacity and potential in cities, by enabling action having citizens as key actors. New instruments of urban governance based on strong public-private-people partnerships need to be explored and implemented, in order to facilitate the interplay between policy-making, market-driven actions, grassroots initiatives and upscale the deployment of systemic solutions which include technological, digital, cultural, social, financial innovations and  nature-based-innovation.

Acceleration towards Sustainable Urban Development requires engaging with all stakeholders and citizens from the start of the project (as partners) and capitalising on existing and diverse knowledge in the city-region. To effectively tap into the diverse capacities of local people, urban governance needs to enhance social diversity and plurality and to establish and nourish a continuous dialogue to different types of socio-economic organizations. European research and innovation actions in cities are instrumental in implementing the UN Habitat III Urban Agenda and the Urban Agenda for the EU.

 

Programme

 

Stefano Carosio
Stefano Carosio
Managing Director
Unismart Padova Enterprise
A company of the University of Padova

Maria Yeroyanni
Senior Expert
European Commission
Directorate General for Research and Innovation

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


“Industry 4.0 è molto più vicina alle imprese ed al mercato di quanto non si creda.” Intervista con Sanmarco Informatica, già partita con diversi progetti sull’automazione industriale.

“Industry 4.0 è molto più vicina alle imprese ed al mercato di quanto non si creda.” Intervista con Sanmarco Informatica, già partita con diversi progetti sull’automazione industriale.

Intervista a Michele Romano, responsabile del team che si occupa dei progetti Industria 4.0 in Sanmarco Informatica, società di Grisignano di Zocco (Vicenza) con trent’anni di storia ed oltre 350 dipendenti.


Dott. Romano, è passato quasi un anno dall’annuncio del Piano Industria 4.0 ma mancano i Competence Centre nazionali, i Digital Innovation Hub ed i decreti attuativi del governo. Sanmarco Informatica come si sta muovendo sul tema?

Michele RomanoGuardi, molto francamente io credo che le aziende più innovative siano già partite con Industry 4.0, Sanmarco quanto meno si è già messa in moto con vari progetti in esecuzione presso i propri clienti. La nostra fortuna è di lavorare, da sempre, a stretto contatto con le aziende manifatturiere e quindi conosciamo bene le loro esigenze. Al contempo, siamo specializzati nel proporre soluzioni ICT, alla base dei processi “smart” che il piano Industry 4.0 vuole implementare nelle fabbriche e negli stabilimenti.

Per questi progetti in particolare abbiamo creato una business unit dedicata, con 30 tecnici R&S che si occupano delle tecnologie relative al mondo Industry 4.0 ed IoT. Questa business unit si inserisce all’interno del nostro già ampio laboratorio Ricerca e Sviluppo, che impiega in Italia oltre 150 specialisti composti da tecnici, data scientist ed esperti dei processi aziendali.

Uno dei temi ancora dibattuti è cosa sia – esattamente – Industry 4.0, sono varie infatti le definizioni e le idee che circolano. Sanmarco che idea si è fatta?

Ai progetti “faraonici” che si sviluppano fin da subito con un’ottica temporale lunga richiedendo grandi investimenti da parte delle imprese, noi di Sanmarco preferiamo definire il perimetro complessivo per poi partire concretamente con un prototipo rapido, misurabile e collegato alle reali sfide aziendali.

Industry 4.0 non è nulla di astruso o troppo complesso ma qualcosa di molto vicino alla realtà degli imprenditori: si tratta di utilizzare le tecnologie già esistenti ripensate però alla luce delle più recenti innovazioni tecnologiche, di processo e di prodotto, al fine di rendere la gestione della produzione ancora più rapida, efficiente, sicura ed economica.

La parola chiave è bidirezionalità: non c’è più un flusso unico di informazioni ma di una conversazione a più voci, dove macchinari, linee produttive e sistemi gestionali si scambiano in tempo reale informazioni utili.

Questo permette di implementare in azienda una gestione intelligente degli ordini, dei carichi produttivi, dei cicli di manutenzione etc.

Per amor di chiarezza le faccio un esempio concreto, pur riferito ad un caso molto specifico: se un grosso ordine è in arrivo ed il macchinario che utilizzerò tra una settimana ha una manutenzione ordinaria in programma, ecco che il mio sistema predittivo è in grado di identificare il rischio ed inviare un alert al Direttore di Stabilimento, che si attiverà per risolvere il problema.

Ma non cambia solo quello che si può fare, cambia anche il come. Queste notifiche intelligenti possono essere comunicate via smartphone ad esempio, attraverso app estremamente semplici da utilizzare e che permettono all’utente di avere una vera conversazione interattiva con il sistema ed ottenere informazioni aggiornate sulla produzione in tempo reale.

L'applicazione sviluppata da SanmarcoSanmarco – per farle un altro esempio – ha sviluppato un software del tutto simile a Whatsapp che permette all’imprenditore di consultare in tempo reale i dati sulla produzione, comodamente seduto sul divano di casa.

Allo stesso modo l’imprenditore può ricevere notifiche push sul suo telefono se qualcosa di importante è successo.

Quindi ad un imprenditore interessato a capirne di più lei cosa consiglierebbe?

Di contattarci. Grazie alla sinergia con Unismart siamo in grado di porci come interlocutore unico con le aziende e prenderci cura di tutti gli aspetti associati ad un progetto Industry 4.0.

Ci facciamo carico della parte normativa, delle certificazioni necessarie per gli impianti, di accedere alle agevolazioni ed ovviamente di sviluppare ed implementare le diverse soluzioni software da noi realizzare specificamente per il cliente.

Gli imprenditori interessati a conoscere meglio le dinamiche di questi progetti possono contattarci ed saremo lieti di incontrarli per discutere delle opportunità che Industry 4.0 offre alle aziende.

  • Contatta NextBI, la Business Unit di Sanmarco Informatica, e scopri i servizi riservati alle aziende interessate a fare innovazione.


Innovation Ambassador: l’esperienza diventa innovazione a Palazzo Moroni 

Salute digitale, innovazione, servizi, persone: sono questi i temi protagonisti dell’evento organizzato dall’Associazione Alumni dell’Università di Padova e Unismart Padova Enterprise. L’appuntamento -in Sala Paladin di Palazzo Moroni – fa parte del calendario culturale del Galileo Festival e vuole creare un momento di incontro e di confronto dedicato all’innovazione, alla divulgazione scientifica e al rapporto tra ricerca e impresa.

L’evento è stato l’occasione perfetta in cui la rete di persone dell’Associazione Alumni dell’Università di Padova e la rete di aziende di Unismart Padova Enterprise possono incontrarsi e confrontarsi in un momento di vero networking dove tutti sono stati invitati a condividere opinioni e idee.

Ad aprire l’evento sono stati Fabrizio Dughiero, Prorettore al Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di Padova, e Andrea Vinelli, Presidente Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Padova. La parola è poi passata ai keynote speaker chiamati a riflettere e a far riflettere su alcuni concetti chiave che spiegano oggi che cosa significa fare innovazione.


Smart Hour, l’Aperitivo con l’Innovazione @ Galileo Festival 2017 e Prima cena della Community

L’Aperitivo con l’Innovazione più ricercato del Triveneto. Un pomeriggio alla scoperta delle ultime invenzioni depositate dall’Ateneo e non ancora rese pubbliche, con speaker internazionali e tante opportunità di networking con professionisti ed imprese del settore.

È seguita la prima Cena di Networking della Community di Unismart (riservata ai Partner, ai loro Ospiti ed ai Keynote).

Maggiori informazioni.


I mille volti dell'innovazione: start-up, spin-off e brevetti a confronto

Start-up innovative che hanno lanciato servizi all’avanguardia, spin-off che commercializzano idee nate in un laboratorio e gruppi di ricerca che hanno brevettato nuove invenzioni: queste sono le realtà che si sono raccontate nelle interviste doppie organizzate da Unismart.

La manifestazione inizia con i gruppi di ricerca dell’Università di Padova, il primo round di interviste ci ha permesso di conoscere Massimiliano Magro, fondatore di “Advanced Iron Nano Technologies”, e Giovanni Franzo, ricercatore del Dipartimento di Medicina Animale dell’Università di Padova. Il primo ci ha presentato i nuovi processi di sintesi di nanoparticelle magnetiche che ha sviluppato, mentre il secondo ci ha raccontato il suo metodo per predire la cross protezione tra ceppi di bronchite IBV nei volatili. Se volete saperne di più, il secondo è illustrato nella nostra scheda brevetto, divulgata ai membri della community.

Il secondo round è stato dedicato agli spin off universitari. Alessandro Francesconi, fondatore di Stellar Project Srl, ci ha illustrato le applicazioni di una nuova classe di missioni di nano-micro/satelliti ad alta capacità. L’amministratore di T4i, invece, è intervenuto sulla propulsione al plasma e turbogetto per l’industria aerospaziale.

Infine, l’ultimo round ha visto le start up come protagoniste grazie a Chiara Rigato, di Archetipo, e Rebecca Ricci, di Vet Ekipp. La dottoressa Rigato ha parlato di sistemi di telerilevamento su droni e metodi per la ricerca in archeologia, mentre la dottoressa Ricci ha trattato gli integratori di vitamine e minerali per diete casalinghe per cani e gatti di cui si occupa Vet Ekipp.

Questa è stata anche la migliore occasione per presentare la piattaforma ITAtech, la prima iniziativa a sostegno della ricerca nei processi di trasferimento tecnologico promossa in forma congiunta da Cassa depositi e prestiti e dal Fondo Europeo per gli Investimenti.


Unismart chiude contratto di ricerca e licenzia domanda di brevetto a cinque mesi dal deposito

Unismart chiude contratto di ricerca e licenzia domanda di brevetto a cinque mesi dal deposito

L’invenzione dei ricercatori del Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute (MAPS) dell’Università di Padova, era diventata domanda di brevetto nell’Ottobre 2016. Portata sul palco di un evento Unismart nel dicembre 2016, aveva suscitato l’interesse di molte aziende, fino alla chiusura con Orma-Solutions, azienda altoatesina del mondo ICT.


L’invenzione, diventata domanda di brevetto nell’ottobre 2016, ruota attorno ad un nuovo metodo sviluppato da Giorgio Marchesini, Paolo Balasso e Lorenzo Serva per rilevare in continuo alcuni parametri comportamentali e fisiologici degli animali da allevamento.

Come discusso in un precedente articolo, il metodo elaborato dai ricercatori dell’Università di Padova utilizza i dati estratti da un accelerometro applicato al fianco sinistro di bovini o altri ruminanti per monitorare le contrazioni ruminali e il comportamento dell’animale.

Sembra così possibile individuare animali con anomalie fisiologiche e comportamentali con qualche giorno di anticipo rispetto alla comparsa di sintomi evidenti con l’ovvio risultato di anticipare le cure veterinarie necessarie, ridurre l’impiego di medicinali e limitare le perdite produttive tipiche dei periodi di malattia.

Il nuovo metodo ha debuttato in occasione di “SMART HOUR – L’Aperitivo con l’Innovazione” organizzato da Unismart presso l’Auditorium dell’Orto Botanico lo scorso 6 dicembre 2016, con il patrocinio di Cassa di Risparmio del Veneto (Gruppo Intesa Sanpaolo).

Davanti ad una platea di oltre 140 professionisti ed imprese alla ricerca di nuove soluzioni tecnologiche, Marchesini ha presentato l’idea elaborata con i suoi colleghi. “Nelle settimane successive con Unismart è stato tutto un susseguirsi di telefonate ed incontri con imprenditori che volevano saperne di più.”

Ma è in questa fase che si presentano le prime difficoltà. Prima ancora di discutere dell’invenzione, o delle possibili applicazioni, per le aziende è importante capire il valore di mercato di un prodotto del genere. Qual è il posizionamento strategico rispetto allo “stato dell’arte”? Quali sono gli ostacoli per l’implementazione su larga scala? Qual è l’investimento necessario da parte di un’azienda interessata a commercializzare l’invenzione?

“Il potenziale di crescita delle imprese innovative deve continuare ad aumentare attraverso un’intensificazione degli investimenti in ricerca del tessuto produttivo locale. In prospettiva è pertanto necessario rafforzare gli sforzi sul fronte dell’innovazione. – ha sostenuto Renzo Simonato, direttore regionale Intesa Sanpaolo e direttore generale Cassa di Risparmio del Veneto – Da questo punto di vista Intesa Sanpaolo è pronta a cogliere tutte le nuove opportunità per favorire la crescita delle aziende clienti, in sinergia con tutti gli altri attori del territorio, tra cui Università e centri di ricerca.”

“In questo il contributo di Unismart è stato fondamentale”, concorda Marchesini. “I colleghi di Unismart ci hanno affiancato in ogni fase, aiutando me e i miei colleghi a rispondere alle domande più tecniche e commerciali che le aziende avevano. È stato vero lavoro di squadra.”

Tra le varie realtà interessate, quella con cui sin dall’inizio c’è stata l’intesa migliore – anche dal punto di vista di progettualità per il futuro – è stata Orma-Solutions, azienda altoatesina attiva nel settore ICT e con un progetto molto ambizioso: portare la domotica nelle stalle e negli allevamenti italiani, integrando il metodo sviluppato dall’Università con tutta una serie di altri sensori, gestibili senza difficoltà attraverso una piattaforma unica e intuitiva.

“Domotica è un termine nato per l’ambito residenziale,” spiega Mario Orlandi, CEO di Orma-Solutions, “ma la sensoristica ed i controlli si stanno già estendendo ad ogni ambito della nostra vita e del nostro lavoro.”

“In tutti i settori, e nell’agroalimentare in particolare, la parola d’ordine è qualità: il benessere degli animali diventa ogni giorno più importante per i consumatori ed il metodo di Marchesini permette un grado di dettaglio mai raggiunto prima.”

“Crediamo fortemente in questa collaborazione con l’Università di Padova e speriamo sia solo la prima di molte,” conclude Orlandi, che svela anche un’altra importante novità: “Il progetto è piaciuto moltissimo in Alto Adige anche al Centro di Consulenza per l’Agricoltura Montana (BRING), che ha deciso di coinvolgersi direttamente nella sperimentazione, partecipando attivamente ai test sul campo negli allevamenti.”

“Cassa di Risparmio del Veneto è lieta di aver aderito alla Community Unismart – conclude Gilberto Muraro, presidente Cassa di Risparmio del Veneto – in quanto crediamo fortemente nell’importante ruolo che può svolgere l’Università quale interfaccia per le imprese che vogliono innovare e avviare nuovi progetti.”


"Dalla videocitofonia alla domotica, perché innovazione è anche fornire soluzioni diverse perfettamente integrate tra loro"

“Dalla videocitofonia alla domotica, perché innovazione è anche fornire soluzioni diverse perfettamente integrate tra loro”

Dalla cessione della storica Elvox di Flavio Miozzo è nato XMWorld, un gruppo di aziende che presidiano settori di mercato adiacenti ed altamente innovativi: dalla videocitofonia alla domotica, passando per i cancelli automatici e lo sviluppo di siti internet etc. Ne parliamo con Giacomo Miozzo di InfinitePlay.


Alcuni anni fa Flavio Miozzo decise di vendere la Elvox, storica società di famiglia, per puntare sui giovani e sulle nuove tecnologie. Ne parliamo con Giacomo Miozzo, classe 1993, marketing e product manager di InfinitePlay, società che offre soluzioni di videocitofonia IP per ogni settore in Italia e nel mondo.

Giacomo, dalla cessione di Elvox è nato XMWorld, un gruppo di aziende che presidiano settori di mercato adiacenti ed altamente innovativi: dalla videocitofonia alla domotica, passando per i cancelli automatici e lo sviluppo di siti internet etc. Cosa lega queste realtà così diverse ? Qual è il valore aggiunto di una filiera di questo tipo?

Prima di rispondere ci tengo a precisare che il ruolo di marketing manager mi è stato dato a mio grande “disonore”: c’è poco di un vero marketing manager in me, mi vedo piuttosto nel ruolo di factotum in InfinitePlay!

Per quanto riguarda la nascita di XMWorld, per la famiglia Miozzo era semplicemente inimmaginabile non continuare a fare impresa, anche dopo la cessione di Elvox.

Per noi si tratta di una sorta di vocazione: la nostra storia inizia oltre 50 anni fa con mio nonno Orlando – il primo imprenditore in famiglia – seguito da mio padre ed ora da mio fratello Riccardo e me.

Il patrimonio di conoscenze e know how maturato in tre generazioni era enorme: ci tenevamo a non dissiparlo ma anzi trasmetterlo e valorizzarlo, identificando nuovi settori in cui trasformarlo in tecnologia e prodotto.

La grande intuizione di mio padre Flavio è stata quella di creare un gruppo di aziende sinergiche con un unico obiettivo: offrire al cliente un pacchetto di prodotti perfettamente integrati.

Per farti un esempio, il videocitofono IP che noi installiamo è di fatto un tablet Android che funge non solo da citofono ma anche da centrale di gestione della domotica di una casa, controllo delle telecamere di sorveglianza, ottimizzazione delle performance energetiche etc.

A voler cercare un filo conduttore, il “made in Italy” distingue tutte le aziende del gruppo. La meccanica, le componenti, la programmazione, è tutto prodotto in house in Veneto, nei vari stabilimenti di Vicenza, Padova, Treviso. Perché questa scelta? Il “made in Italy” viene apprezzato allo stesso modo dentro e fuori dai confini nazionali?
Il “made in Italy” è un valore di famiglia, parte della nostra storia. Alla base di questa scelta c’è il desiderio di avere il più completo controllo di ogni nostro prodotto: vogliamo conoscere i nostri fornitori personalmente, scegliere assieme a loro i materiali ed i processi produttivi più idonei, condividere con loro la stessa cultura della qualità.

Tutto cio è una garanzia per i nostri clienti. Cerchiamo di offrire il miglior servizio di pre e post vendita al professionista e la miglior esperienza di utilizzo prodotto all’utente finale.

Penso che il  Made in Italy, come ci è stato donato dalla nostra cultura, all’estero sia chiaramente un valore aggiunto per i nostri prodotti, un biglietto da visita, simbolo di originalità, design e qualità.

XMWorld sede

Oggi le varie aziende del gruppo sono a tutti gli effetti delle startup, in fase di avvio e posizionamento su un mercato molto competitivo ed in transizione dall’analogico al digitale. Cosa ha motivato la vostra scelta di aderire ad Unismart, la comunità di innovazione tecnologica dell’Università di Padova?

Fin da piccolo ho creduto molto nella condivisione: dalle cose materiali ai pensieri, dalle idee alle esperienze. Sono certo che la collaborazione con Unismart non potrà che essere produttiva e portare ad una crescita costruttiva nella creazione e sviluppo di idee, innovazione e quindi anche di impresa e lavoro.

Mi sento oltretutto di condividere l’obiettivo di Unismart: credere e valorizzare le capacità, qualità e potenzialità del nostro distretto produttivo e dell’Università di Padova.

Nel fondare XMWorld, la scelta di tuo padre è stata anche di investire sui giovani e coinvolgere tuo fratello Riccardo e te nel management. Come stai vivendo questa posizione di responsabilità vista anche la tua giovane età? Quali sono le sfide principali che devi affrontare ogni giorno?

Dopo la cessione di Elvox, in famiglia – soprattutto da parte di nonna Rosetta e di mio padre – c’è stata questa forte volontà di rimettersi in gioco per generare un impatto positivo sul territorio e sulla nostra città, in termini di occupazione, impresa ed innovazione.

Per quanto riguarda il carico di responsabilità, io ho un mio personale motto: “Fai di un nemico un amico”.

Affronto la responsabilità cercando di viverla come uno stimolo al miglioramento continuo, che ogni giorno mi sprona a cercare nuove idee per il futuro dell’azienda. Non nego che lo stress sia all’ordine del giorno ma ho imparato a gestirlo ed a non farmi sopraffare.

La sfida che sento di più nel mio ruolo è la gestione dei rapporti interpersonali. Come azienda, ci piace avere collaboratori attivi, intraprendenti e con caratteri forti. Un leader deve saper cogliere i bisogni, le necessità ed i desideri dei suoi collaboratori; l’empatia è fondamentale, occorre mettersi nei panni degli altri e guardare alle situazioni dal punto di vista di tutte le parti coinvolte.

Qualche consiglio per i giovani professionisti che ci leggono?

Ricordatevi sempre che “noi siamo il limite di noi stessi e non c’è nessun altro che meglio di noi sappia convincerci a NON fare qualcosa.” Credete in voi stessi, nelle vostre capacità e cercate di essere sempre migliori: le soluzioni, le risposte e di conseguenza le idee verranno da sole.

Ci sono però due cose da tenere sempre a mente: credere fortissimamente in ciò che si fa e liberare la mente da preconcetti e pregiudizi. Credo fortemente in tutto ciò, ed amo essere ottimista.

Grazie Giacomo ed auguriamo buona fortuna a tutte le aziende del gruppo.

  • Scopri come diventare Partner di Unismart, la comunità di innovazione tecnologica dell’Università di Padova. Scarica la brochure dei servizi.


Pietro Fiorentini Talent Challenge

Il Pietro Fiorentini Talent Challenge, rivolto agli studenti dell'Università degli studi di Padova e principalmente dei corsi di Economia e Ingegneria, ha dato il via ad una selezione dei partecipanti tramite un workshop con speed interview. Ai partecipanti selezionati è stata offerta la possibilità di passare una giornata in azienda venerdì 5 maggio 2017 dove poter visitare i laboratori e lo stabilimento produttivo, conoscere manager e dipendenti, lavorare in gruppo e svolgere progetti creativi. Le attività di gruppo sono state svolte sotto la guida di facilitatori esperti ed utilizzando le metodologie proprie del Design Thinking sviluppate dall’Università di Stanford.

I vincitori del PF Talent Challenge hanno avuto inoltre l’opportunità di partecipare ad una settimana kaizen in azienda. Settimana dedicata al miglioramento dei processi aziendali, a stretto contatto con manager e con il supporto dei migliori consulenti nel campo del Lean Manufacturing.

Infine, a dimostrazione dell’interesse di Pietro Fiorentini per i giovani padovani, agli studenti che si dimostreranno più meritevoli e motivati sarà offerta la possibilità di entrare nel mondo di Pietro Fiorentini attraverso un contratto di apprendistato finalizzato all’assunzione a tempo indeterminato!


Workshop di UniSMART alla fiera Technology Hub di Milano

Technology Hub è la fiera di riferimento dei settori della stampa 3D, additive manufacturing, materiali innovativi, droni, internet of things e robotica.
Unismart è Patrocinatore dell’evento ed aderirà al programma convegnistico organizzando il workshop “Quando l’Università si fa impresa: best practice di trasferimento tecnologico al territorio”.


Caglio e formaggio

Nuovo processo di produzione di nanoparticelle magnetiche per estrarre lattoferrina dal siero del latte

Caglio e formaggio

Un nuovo processo di produzione di nanoparticelle magnetiche permette di ottenere lattoferrina dal siero del latte con un’alta efficacia.

Per la nostra rubrica sui brevetti di ateneo, oggi analizziamo un nuovo metodo di produzione di nanoparticelle magnetiche in grado di estrarre la preziosa lattoferrina dal siero del latte, prodotto di scarto della produzione casearia.


La straordinaria cultura gastronomica italiana, le tipicità dei prodotti e la loro elevata qualità sono certamente uno dei marchi di fabbrica del Bel Paese nel mondo. Tra le produzioni di valore, un posto importante è detenuto dai formaggi, la cui grande varietà tanto può raccontare delle tradizioni e della cultura delle varie regioni d’Italia.

Per poter produrre il formaggio, solitamente si deve ricavare la cagliata dal latte. Questa si produce grazie alla coagulazione e successiva precipitazione di particolari proteine, chiamate caseine, fino all’ottenimento di una massa gelatinosa, la cagliata appunto.

In seguito questa viene rotta in modo da facilitare lo spurgo del siero, una frazione del latte composta principalmente di acqua, lattosio, grassi e proteine. Il siero del latte liberato dalla cagliata può essere utilizzato per la produzione della ricotta, la cui richiesta è però mutevole nel corso dell’anno ed ha un tempo di deperimento relativamente breve.

A questo punto del processo nasce dunque un problema: che cosa fare con il siero di scarto dato dalla lavorazione casearia?
Il siero non può essere smaltito direttamente nelle acque di scarico in quanto è altamente inquinante.

Non sempre infatti ciò che è naturale è innocuo se rilasciato nell’ambiente. L’elevata quantità di materiale organico contenuto nel siero del latte è infatti difficilmente eliminabile dai microorganismi batterici aerobi presenti in natura, responsabili della degradazione dei composti organici.

Il loro compito di “spazzini” è infatti possibile solo consumando ossigeno ma se il materiale da degradare è in eccesso rispetto alla disponibilità di O2, i composti organici non vengono eliminati e rimangono nell’ambiente come contaminanti.

Per questa ragione il siero richiede un trattamento speciale e dai costi elevati, che gravano sulle aziende del settore caseario.

Se in prima analisi il siero può essere considerato un problematico prodotto di scarto dell’industria casearia, le potenzialità economiche associate ad alcuni suoi componenti lo rendono una matrice estremamente più remunerativa del latte stesso.

Di conseguenza, una prospettiva piuttosto interessante è quella di cercare di recuperare dal siero, con tecniche chiamate di purificazione, molecole spendibili nel mercato.

Esempi di queste sono il lattosio, uno zucchero molto utilizzato nell’industria alimentare, e le proteine come la sieroalbumina bovina (BSA), che trova applicazione nelle analisi di laboratorio e nella ricerca scientifica, o la lattoferrina, importante per l’industria farmaceutica e alimentare.

L’importanza della lattoferrina in particolare è legata alle sue proprietà antibatteriche, antiossidanti, anti-infiammatorie ed immunomodulatorie ed è per questa ragione che viene spesso utilizzata come additivo alimentare in diversi prodotti.

Il suo mercato è in continua espansione con un valore di 15 miliardi di dollari annui nel solo settore degli integratori alimentari per neonati.

In questo scenario il professor Fabio Vianello e il dottor Massimiliano Magro – Dipartimento di Biomedicina comparata e Alimentazione – hanno sviluppato un sistema estremamente efficace per la purificazione industriale della lattoferrina basato su nanoparticelle magnetiche chiamate SAMNs (Surface Active Maghemite Nanoparticles).

Un primo brevetto messo a punto dai ricercatori dell’Università di Padova riguarda proprio un processo a basso costo, ecologico ed innovativo per la produzione di SAMNs, utilizzabili non solo per la purificazione di lattoferrina ma in numerose altre applicazioni del comparto biomedicale e dell’agro-alimentare.

Altri utilizzi pronti all’industrializzazione sono ad esempio quelli relativi all’isolamento e alla purificazione della curcumina (una molecola estratta dalla curcuma ed usata come additivo alimentare), la rimozione di cromo esavalente dalle acque superficiali e la rimozione di micotossine dannose che si generano in alcuni processi fermentativi degli alimenti.

I metodi tradizionali di estrazione di una proteina da un prodotto contenente molte molecole diverse (come è il siero del latte) hanno costi elevati e problematiche gestionali rilevanti: per questo le SAMNs possono essere un’alternativa poco costosa alle tecniche tradizionali.

Per quanto riguarda la purificazione di lattoferrina le SAMNs, in combinazione con un sistema di purificazione magnetica robotizzato già prototipato e coperto da un secondo brevetto, riescono a dare una resa 500 volte maggiore rispetto alla tecnica standard, che impiega circa 10.000 litri di siero di latte per la produzione di un solo grammo di polvere di lattoferrina.

  • Per saperne di più su questo ed altri brevetti visita la libreria online brevetti di Unismart, la società dell’Università di Padova attiva nella valorizzazione della ricerca tecnico-scientifica del nostro Ateneo.