Idea Contest Romantico Casanova - Brand the Jewels 2021 - recap

Idea Contest

Brand the Jewels
Re-brand the DNA of Romantico Casanova

 

26 aprile - 7 maggio 2021

Una sfida per menti giovani e brillanti!

Il 7 maggio si è svolta la cerimonia di premiazione di Brand the Jewels, Idea Contest sviluppato dalla Fondazione UniSMART in collaborazione con Romantico Casanova, brand fashion della UniSMART Community che sviluppa, produce e commercializza online gioielli Made in Italy.

Obiettivo del contest era ripensare il DNA del brand di Romantico Casanova, rigenerando l’idea stessa del gioiello contemporaneo, dei valori che interpreta e della strategia di comunicazione, visti attraverso gli occhi delle nuove generazioni!

48 innovatrici e innovatori suddivisi in 10 team di lavoro, con background disciplinari diversi: economia, marketing, design, psicologia, sociologia, ingegneria solo per citarne alcuni, hanno raccolto la sfida a ripensare il brand del gioiello contemporaneo.

Due settimane di formazione, brainstorming e progettazione

Le innovatrici e innovatori partecipanti all’Idea Contest hanno avuto l’opportunità di seguire seminari ed essere guidati nello sviluppo dei concept da loro proposti da docenti e tutor di rilievo.

Ispirati da Romano Cappellari, docente di marketing all’Università degli Studi di Padova, supportati da Riccardo Maistrello, consulente in marketing strategico per l’innovazione, ed infine guidati dai tutor di UniSMART in una sessione di design thinking multidisciplinare i 10 team di lavoro si sono tutti distinti per impegno, entusiasmo e molteplicità di idee presentate!

Durante il workshop i/le partecipanti hanno avuto modo anche di sperimentare il metodo di lavoro di UniSMART, una metodologia simile al design sprint, ma più rapida e sintetica, che in UniSMART abbiamo chiamato SPARK!
SPARK si pone l’obiettivo di generare velocemente quante più idee possibili e identificare al loro interno gli elementi di innovazione su cui costruire il proprio progetto. Proprio come le scintille (sparks, in inglese) scatenano il divampare di un incendio!

I progetti vincitori

I team vincitori sono:

  • Hack Attack – 1° classificato
    Giampaolo Abate, Virginia Abati, Asia Baschieri, Matteo Bernar, Daniele Dal Pozzo, Silvio Intersimone
  • Ma_Ca_Co – 2° classificato
    Camilla Carpenter, Desiree Darisi, Marco Cotali, Nicole Marchetto
  • The Skylight – 3° classificato
    Anna Favaro, Riccardo Ferrigioni, Andrea Saltarello, Isacco Sturaro

I team vincitori hanno dimostrato di sapere interpretare efficacemente le esigenze di Romantico Casanova in modo fresco ed inedito progettando l’esperienza degli utenti in ottica di gamification, reinterpretando l’immagine del brand in modo significativo e immaginando una strategia di comunicazione che unisce dimensione fisica e digitale.

È stato così delineato il nuovo DNA del gioiello contemporaneo!

Vuoi che sia la tua azienda a lanciare una sfida per il prossimo Idea Contest? Scrivi a: [email protected]

Visita la landing page dell'evento

Progetto Europeo LightCoce - Open Call per le imprese

Open Call

Progetto Europeo LightCoce - Open Call per le imprese

 

apertura Open Call: 7 giugno 2021

 

Partecipa!

Sei un’azienda che opera nel settore automobilistico, aerospaziale, edile o della difesa?

Ceramica o cemento ultraleggeri sono una parte essenziale della tua attività?

Partecipa all’Open Call di LightCoce!

 

Cos’è l’Open Call di LightCoce?

L’Open Call di LightCoce è indirizzata alle aziende e in particolare alle PMI in tutta Europa operanti nei settori dei cementizi o delle ceramiche, sia convenzionali che avanzati, interessate a sviluppare nuovi concetti all’interno della catena del valore dei materiali leggeri, avanzati del calcestruzzo o della ceramica.

LightCoce è un progetto finanziato dalla Commissione Europea che ha sviluppato un Open Innovation Testbed per l’upscaling delle tecnologie relative alla ceramica e al cemento ultraleggeri.

Le aziende interessate possono entrare gratuitamente nell’ecosistema LightCoce e sviluppare nuove idee di business beneficiando dei servizi forniti da organizzazioni altamente specializzate, tra cui l’accesso a cinque Pilot Lines per l’upscaling e il testing, nonché servizi complementari a supporto della loro commercializzazione, quali la caratterizzazione, la modellazione, il controllo della qualità e il monitoraggio, la standardizzazione, l’adozione del mercato e i servizi di management dell’innovazione.

I servizi di caratterizzazione saranno svolti dall’Università degli Studi di Padova presso i suoi laboratori, mentre l’Innovation Management sarà a cura della Fondazione UniSMART.

 

Chi può candidarsi?

PMI, grandi imprese e centri di ricerca, con sede legale in uno Stato membro dell’UE o in un paese terzo e che operano nei settori del cemento o della ceramica e sono interessate al concetto di innovazione.

 

Perché dovresti candidarti?

Accesso gratuito a tutti i servizi e le strutture disponibili nell’ecosistema LightCoce; l’opportunità di innovare e sviluppare la tua idea di business attraverso uno sportello unico; ricevere tutoraggio e supporto da esperti altamente specializzati; opportunità di fare rete e stabilire una relazione a lungo termine con i principali attori del settore.

 

Come puoi candidarti?

La call sarà lanciata attraverso la piattaforma web di LightCoce.
Sarà possibile candidarsi dal 7 giugno 2021 fino alla fine di agosto.
Maggiori informazioni saranno pubblicate nel prossimo periodo. Teniamoci in contatto!

Per informazioni scrivi a [email protected]!

Visita il sito del LightCoce Ecosystem


Aggiornamento 12.03.21 - Progetto Europeo StepUP

Aggiornamento

Progetto Europeo StepUP

 

Solutions and Technologies for deep Energy renovation Processes UPtake

Nuove tecnologie per la decarbonizzazione degli edifici sviluppate da un team di ricerca europeo che vede la partecipazione della Fondazione UniSMART

Padova, 12 marzo 2021.
UniSMART – Fondazione Università degli Studi di Padova
, fa parte del network di partner di eccellenza coinvolti nello sviluppo del Progetto Europeo StepUP, che si propone di sviluppare soluzioni e tecnologie in grado di trasformare il mercato della riqualificazione energetica degli edifici e di contribuire a rendere la decarbonizzazione di edifici esistenti un investimento affidabile, attraente e sostenibile.

Il progetto europeo StepUP si è da poco lasciato alle spalle il 18° mese di attività (gennaio 2021), una delle “milestone” chiave di progetto. Nonostante alcuni rallentamenti conseguenti agli effetti della pandemia, il lavoro del consorzio di progetto prosegue secondo i piani. Il primo mock-up del sistema di facciata “Plug&Play” è stato messo a punto da Manni Group, partner della UniSMART Community, in vista dell’installazione del sistema presso i demo site (edifici utilizzati come caso-studio) in Spagna e Ungheria, che avverrà nei prossimi mesi. Parallelamente, procedono le attività dedicate allo sviluppo dell’innovativa metodologia di StepUP finalizzata a rendere la riqualificazione edilizia un’attività più appetibile per il mercato e più efficiente.

 

Il progetto StepUP “si basa sui feedback degli utenti e promuove un approccio iterativo alla riqualificazione energetica, basato su dati reali e simulati, che minimizza i problemi legati alle prestazioni, riduce le barriere finanziarie e ottimizza gli investimenti”, sottolinea il coordinatore del progetto, Giulia Barbano, R&D Project Manager, Integrated Environmental Solutions Ltd.

“StepUP offrirà un’opportunità concreta per puntare alla decarbonizzazione degli edifici, mediante lo sviluppo di una soluzione non intrusiva, di rapida installazione ed affidabile, minimizzando la durata delle attività in cantiere e il rischio di errori di installazione”, aggiunge Barbano.

Elemento chiave delle tecnologie sviluppate in StepUP è l’innovativo sistema di facciata “Plug&Play” che integra potenzialmente diversi elementi, predisposizioni impiantistiche, oltre ad un sistema di riscaldamento propedeutico ad un consumo flessibile dell’energia.

Le soluzioni sviluppate nel corso del progetto consentiranno di minimizzare il tempo di installazione in cantiere, riducendo drasticamente gli inconvenienti per gli inquilini spesso associati a questo tipo di attività e saranno testate su tre diverse tipologie edilizie: un edificio residenziale plurifamiliare, una scuola pubblica ed un edificio ad uso terziario.
Le decisioni di progetto in tutte le sue fasi, dal design iniziale al monitoraggio delle performance post-installazione, saranno supportate e orientate dalla raccolta, gestione ed interpretazione di dati relativi alle performance dell’edificio e alla user experience (“data intelligence”).

Il progetto si prefigge inoltre l’obiettivo di promuovere nuovi modelli di finanziamento finalizzati all’ottimizzazione dell’uso di energia, del comfort e della tenuta del costo del manufatto nel corso della sua vita utile.

Vuoi scoprire maggiori informazioni sul Progetto Europeo StepUP?

Leggi il comunicato stampa o visita il sito www.stepup-project.eu.

Scarica il comunicato stampa

Vuoi collaborare con la Fondazione UniSMART a progetti innovativi?

Non perdere l’occasione! Per maggiori informazioni contattaci all'indirizzo dedicato: [email protected].


Roadshow 04.02.21 - BioInItaly 2021

Roadshow

BioInItaly 2021 - Padova
Roadshow for Biotech Innovation

 

webinar 04 febbraio 2021

BioInItaly Investment Forum

Dopo il successo delle precedenti edizioni UniSMART – Fondazione Università degli Studi di Padova, al fianco di Assobiotec e del Cluster Nazionale della Chimica Verde SPRING, lo scorso 4 febbraio ha ospitato la tappa padovana del Roadshow Nazionale BioInItaly Investment Forum, promosso da Intesa Sanpaolo Innovation Center.

BioInItaly è un programma di accelerazione rivolto non solo a startup, ma anche a spin-off universitari e a progetti di ricerca nell’ambito della Circular Bioeconomy e delle Scienze della Vita. Negli ultimi due anni ha permesso a diverse realtà padovane di presentare le proprie idee innovative ad esperti del settore ed ai grandi player coinvolti dall’iniziativa.

 

L’80% dell’industria delle biotecnologie in Italia è costituito da imprese di piccola e micro dimensione, che hanno avuto un ruolo propulsivo nella dinamica di crescita dell’intero comparto – Dichiara Riccardo Palmisano, Presidente di Assobiotec Federchimica – […] Obiettivo di BioInItaly è da sempre quello di aiutare il passaggio indispensabile a trasformare l’idea in prodotto, offrendo a queste realtà un percorso di formazione che le rende più pronte a parlare al mercato e agli investitori nazionali e internazionali. Dal 2008 ad oggi BioInItaly ha permesso di raccogliere più di 60 milioni di euro investiti in tante differenti startup innovative in Italia, dando un’opportunità di crescita alle aziende e di lavoro qualificato ai nostri giovani ricercatori e imprenditori.

UniSMART – Fondazione Università degli Studi di Padova conosce l’importanza imprescindibile delle biotecnologie per lo sviluppo di un territorio come quello del Veneto e la collaborazione tra i diversi attori chiave del settore è fondamentale per creare sinergie virtuose e una massa critica di innovatori e finanziatori. In questo senso l’Università di Padova ha da sempre un ruolo trainante nel promuovere l’innovazione nel settore biotech e BioInItaly è un ulteriore stimolo per la nascita di nuove aziende in un settore così importante – afferma Fabio Poles, Direttore Generale di UniSMART – Fondazione Università degli Studi di Padova.

I progetti presentati

Durante l’evento abbiamo ascoltato diverse innovazioni nel mondo Biotech:

  • Marco Agostini, ricercatore dell’Università di Padova e uno degli ideatori del progetto PREDICT, ha proposto un modello “avatar” del paziente oncologico per la medicina personalizzata. Attraverso lo sviluppo di organoidi derivati da cellule tumorali del paziente sarà possibile individuare farmaci più efficaci e creare una terapia paziente-specifica.
  • Daniela Basso, professoressa dell’Università di Padova, ha sviluppato un kit diagnostico per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’intestino. Il kit, in breve tempo, permetterà di ottenere un profilo diagnostico in grado di distinguere con efficacia e sensibilità la malattia di Crohn dalla rettocolite ulcerosa.
  • Paolo Rizzardi, co-fondatore di Altheia Science, spin-off dell’Università di Padova, ha presentato gli sviluppi di due progetti principali legati alla terapia genica: il primo per il trattamento delle malattie autoimmuni e il secondo per un nuovo approccio di immunoterapia per il trattamento dei disturbi mieloidi.

Il vincitore della tappa padovana di BioInItaly

Altheia Science, spin-off dell’Università degli Studi di Padova, ha vinto la tappa padovana di BioInItaly 2021 presentando le sue tecnologie per il trattamento delle malattie autoimmuni e dei disturbi mieloidi. Questa vittoria ha portato lo spin-off direttamente alla masterclass con Bill Barber, Coach e Responsabile Valutazione e Accelerazione Startup di Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Assegnazione del Gabriele Corbelli Award

Successivamente alla tappa RoadShow, Altheia Science ha proseguito nelle fasi formative del programma BioInItaly 2021, focalizzate sulla presentazione agli investitori e sulla definizione dei modelli di business, organizzate e implementate da Bill Barber, Coach e Responsabile Valutazione e Accelerazione Startup di Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Superando con successo la seconda selezione operata da una giuria di tecnici e industry experts, Altheia Science e altre otto start-up attive nell’ambito della Bioeconomia e nelle Scienze della Vita hanno avuto la possibilità di presentare il proprio progetto all’evento finale, il BioInItaly Investment Forum 2021.

Giovedì 8 aprile 2021 Business Angels, Società di Venture Capital, Corp Venture Capital, Società PE, PMI, Large Corp, finanziatori e investitori istituzionali provenienti da tutto il mondo hanno assistito alle presentazioni dei migliori progetti in gara e assegnato i premi finali.

Altheia Science, spin-off dell’Università degli Studi di Padova, si è aggiudicato il Gabriele Corbelli Award. Il premio è dedicato alla memoria di Gabriele Corbelli, ricercatore, scienziato e co-fondatore di Wise, startup innovativa e concorrente di una passata edizione di BioInItaly, che utilizza le nanotecnologie con l’obiettivo di curare malattie neurologiche.

 

Paolo Rizzardi co-fondatore e CEO di Altheia Science dopo la vittoria ha dichiarato: “Siamo molto felici di avere ricevuto il Gabriele Corbelli Award di Assobiotec / Federchimica in occasione della finale dello StartUp Initiative / BioInItaly Investment Forum 2021.  Altheia Science ha un obiettivo ambizioso, offrire soluzioni, per patologie come il diabete di tipo I, la sclerosi multipla e la leucemia mieloide acuta, che possano migliorare significativamente la qualità di vita dei pazienti. La forza di Altheia si fonda sul team, che include due scienziati di fama internazionale ed una forte esperienza nella traduzione di terapie avanzate nella sperimentazione clinica e sul mercato.”

Sei un docente o ricercatore dell’Università di Padova
e fai ricerca sulle biotecnologie?

Sei un’azienda interessata a sviluppare know-how in questo settore?

Scopri i servizi di UniSMART!

Scarica la brochure