News

Tre riconoscimentiper l'Università degli Studi di Padova

Tre nuovi riconoscimenti evidenziano la competitività dell’Università di Padova sia a livello nazionale che internazionale

L’Ateneo è infatti riuscito a occupare, in accordo con la nuova classifica CWUR, il secondo posto tra le migliori università del Paese e il 170esimo tra quelle internazionali, a guadagnare il primo posto per quanto riguarda il numero di progetti Advanced Grant vinti, e a rientrare tra le prime 100 università nella classifica THE Impact Rankings in merito al perseguimento degli obiettivi dell’ONU per uno Sviluppo Sostenibile.

Unipd come secondo migliore ateneo italiano

Secondo la classifica internazionale pubblicata dal Center for World University Rankings – CWUR 2022/2023 l’Università degli Studi di Padova si colloca al secondo posto tra i migliori atenei del Paese e al 170esimo a livello internazionale

Il CWUR ha esaminato 19.788 atenei di tutto il mondo e ha preso in considerazione fattori come la didattica e il livello di occupazione per effettuare una classificazione delle 2000 migliori università. Per entrambi gli indicatori l’Università di Padova è riuscita a dimostrare il proprio valore; se la qualità dell’istruzione ha mantenuto però un livello costante rispetto agli anni precedenti, ciò che è invece notevolmente migliorato è il livello di occupazione degli ex studenti dell’Ateneo: i successi professionali conseguiti dai giovani in seguito al conseguimento della laurea hanno infatti permesso all’Ateneo di scalare la classifica. 

Un terzo indicatore che ha permesso all’Università degli Studi di Padova di scavalcare altri autorevoli atenei è rappresentato dalle performance in ambito di ricerca, in quanto a livello di pubblicazioni e produttività scientifica sono stati mantenuti degli standard considerevoli.

Lo European Research Council investe nell’Università di Padova

Per quanto riguarda gli Erc Advanced Grant l’Università patavina è riuscita a conquistare il primo posto a livello nazionale, a pari merito con quella di Trento, per quanto riguarda il numero di progetti Advanced Grant vinti. Lo European Research Council, prestigiosa agenzia europea per il finanziamento della ricerca, ha infatti deciso di affidare all’Università degli Studi di Padova fondi indirizzati a tre progetti che hanno saputo emergere durante la competizione.  

L’Università di Padova è riuscita a conquistare la prima posizione grazie al forte interesse nei confronti della ricerca che ha permesso all’Ateneo di posizionarsi ai vertici di questa classifica e di dimostrare su scala nazionale il talento dei ricercatori dell’Università. I bandi dello European Research Council sono tra i più competitivi a livello europeo e aver ottenuto tale risultato consolida il prestigio dell’Università di Padova in ottica nazionale (e non solo).

THE Impact Rankings e gli obiettivi di sviluppo sostenibile

L’Università di Padova è inoltre riuscita a rientrare tra le prime 100 università nella classifica stilata dalla testata internazionale Times Higher Education (THE). THE Impact Ranking persegue l’obiettivo di evidenziare come il settore dell’Alta Formazione e Ricerca affronti gli obiettivi di sviluppo sostenibile indicati dall’ONU nel 1987 e l’Ateneo è rientrato tra le prime cento posizioni proprio grazie all’impegno dimostrato in merito.

Ciò che è stato riconosciuto all’Università è soprattutto l’impegno nel contribuire al benessere della società e al trasferimento di conoscenza al suo interno. Nell’ultimo anno sono stati fatti enormi passi in avanti in quanto l’Ateneo nell’edizione precedente si era classificata 23 posizioni più in basso.

«La crescente attenzione del mondo universitario verso il THE Impact Ranking – commenta la Rettrice Daniela Mapelli – è testimoniata dall’aumento della partecipazione degli atenei, che sono passati da 1115 lo scorso anno a 1406. Questo conferma l’interesse non solo dell’accademia ma anche dell’opinione pubblica verso il ruolo delle università nel favorire una crescita sostenibile del territorio rispettosa della qualità di vita presente e di quella delle future generazioni. Il nostro Ateneo ha da tempo abbracciato questa visione ed è volto ad offrire un contributo sempre maggiore alla definizione di modelli di sviluppo che coniughino il benessere economico e sociale nel pieno rispetto dell’ambiente nel quale viviamo. I risultati ottenuti su questi obiettivi premiano il continuo sforzo di tutte le componenti dell’Ateneo, che pur garantendo ottimi standard di ricerca e didattica, promuove una politica sostenibile di cui beneficia l’intera cittadinanza ed il territorio».


Segui le attività promosse dalla Fondazione UniSMART

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER